Advertising

martedì 4 aprile 2017

OICE: Andamento gare pubbliche di ingegneria e architettura

OICE: Andamento gare pubbliche di ingegneria e architettura
Negli ultimi undici mesi, con il nuovo codice dei contratti, bandi di progettazione a +37,3% in numero e +64% in valore; Boom a Marzo, rispetto al 2016, con un + 108,1% per numero di gare di progettazione e +28,6% in valore.

OICE: Andamento gare pubbliche di ingegneria e architettura


Dall'entrata in vigore del Codice Appalti, gli ultimi undici mesi, il mercato della progettazione, sulla scia dell'obbligo di affidare lavori sul progetto esecutivo, rimane comunque in netta crescita rispetto agli 11 mesi dello stesso periodo precedente: +37,3% in numero e + 64,0% in valore. In termini assoluti nei mesi post decreto 50/2016, da Maggio 2016 a Marzo 2017, si sono raggiunti i 365 milioni di euro contro i 223 milioni di euro negli stessi mesi 2015/2016.
Nel mese che si è chiuso permane la crescita del numero dei bandi di progettazione e del loro valore se raffrontato a quello dello stesso mese del 2016. In particolare sono state 335 le gare bandite a Marzo per un importo di 34,12 milioni di euro, +108,1% in numero, +28,6% in valore, su Marzo 2016. .

Tags: codice appalti, statistiche appalti italia, descreto 50/2016,

OICE: Andamento gare pubbliche di ingegneria e architettura

OICE: Andamento gare pubbliche di ingegneria e architettura
Negli ultimi undici mesi, con il nuovo codice dei contratti, bandi di progettazione a +37,3% in numero e +64% in valore; Boom a Marzo, rispetto al 2016, con un + 108,1% per numero di gare di progettazione e +28,6% in valore.

OICE: Andamento gare pubbliche di ingegneria e architettura


Dall'entrata in vigore del Codice Appalti, gli ultimi undici mesi, il mercato della progettazione, sulla scia dell'obbligo di affidare lavori sul progetto esecutivo, rimane comunque in netta crescita rispetto agli 11 mesi dello stesso periodo precedente: +37,3% in numero e + 64,0% in valore. In termini assoluti nei mesi post decreto 50/2016, da Maggio 2016 a Marzo 2017, si sono raggiunti i 365 milioni di euro contro i 223 milioni di euro negli stessi mesi 2015/2016.
Nel mese che si è chiuso permane la crescita del numero dei bandi di progettazione e del loro valore se raffrontato a quello dello stesso mese del 2016. In particolare sono state 335 le gare bandite a Marzo per un importo di 34,12 milioni di euro, +108,1% in numero, +28,6% in valore, su Marzo 2016. .

Tags: codice appalti, statistiche appalti italia, descreto 50/2016,

venerdì 17 febbraio 2017

Risorse per le scuole e antisismica in scadenza il 20 Febbraio

Risorse per le scuole e antisismica in scadenza il 20 Febbraio
ANCE Veneto: Enti locali e regione si affrettino o perderemo un'occasione

Risorse per le scuole e antisismica in scadenza il 20 Febbraio


La legge di bilancio del 2017 ha liberato nuovi spazi finanziari, fuori dai vincoli del pareggio di bilancio di Regione ed Enti Locali, per investimenti nelle scuole e nella sicurezza sismica e idrogeologica. Si tratta di 1,2 miliardi di euro nel triennio 2017-19: 700 milioni, di cui 300 solo per le scuole, sono destinati agli Enti locali invece 500 milioni di euro sono a disposizione delle Regioni.
I tempi per accedere a queste risorse stanno per scadere. Enti Locali e Regioni hanno tempo soltanto fino al 20 febbraio per inviare la loro richiesta alla Ragioneria generale dello Stato, secondo le procedure individuate dal governo, o alla struttura di missione per l’edilizia scolastica nel caso di interventi per le scuole. .

Tags: ance veneto, scuole antisismiche,

giovedì 16 febbraio 2017

Risorse per le scuole e antisismica in scadenza il 20 Febbraio

Risorse per le scuole e antisismica in scadenza il 20 Febbraio
ANCE Veneto: Enti locali e regione si affrettino o perderemo un'occasione

Risorse per le scuole e antisismica in scadenza il 20 Febbraio


La legge di bilancio del 2017 ha liberato nuovi spazi finanziari, fuori dai vincoli del pareggio di bilancio di Regione ed Enti Locali, per investimenti nelle scuole e nella sicurezza sismica e idrogeologica. Si tratta di 1,2 miliardi di euro nel triennio 2017-19: 700 milioni, di cui 300 solo per le scuole, sono destinati agli Enti locali mentre 500 milioni di euro sono a disposizione delle Regioni.
I tempi per accedere a queste risorse stanno per scadere. Enti Locali e Regioni hanno tempo soltanto fino al 20 febbraio per inviare la loro richiesta alla Ragioneria generale dello Stato, secondo le procedure individuate dal governo, o alla struttura di missione per l’edilizia scolastica nel caso di interventi per le scuole. .

Tags: ance veneto, scuole antisismiche,

mercoledì 21 dicembre 2016

“Disaster Manager”, professionista della protezione civile: ora c'è la norma UNI

"Disaster Manager", professionista della protezione civile: ora c'è la norma UNI
Terremoti, dissesti idrogeologici, alluvioni, eruzioni vulcaniche... fenomeni di cui purtroppo ultimamente si parla spesso e che vedono fortemente impegnato il professionista della protezione civile, noto anche come Disaster Manager. Questa figura professionale riveste infatti un ruolo significativo nelle attività di pianificazione, di coordinamento e di elaborazione delle politiche pubbliche di protezione civile in ambito locale.



Per definire meglio le caratteristiche, le conoscenze, le abilità e le competenze di questo professionista è stata appena pubblicata la norma UNI 11656:2016 intitolata “Attività professionali non regolamentate - Professionista della Protezione Civile (D isaster Manager) - Requisiti di conoscenza, abilità e competenza”. La norma è stata messa a punto da un gruppo di lavoro (il GL6) operante nell’ambito della Commissione UNI “Sicurezza della Società e del Cittadino” e delinea in particolare tre livelli del profilo del Disaster Manager in funzione dei contesti organizzativi di diversa complessità e/o di attività nei quali opera.
Come spiega Roberto Pizzi, (Consigliere dell'Associazione Nazionale Disaster Manager -ASSODIMA- e coordinatore del gruppo di lavoro UNI): “Il Disaster Manager è il professionista che fornisce il supporto alle decisioni per la gestione delle attività di previsione, prevenzione, risposta e superamento delle emergenze di protezione civile. La norma UNI 11656:2016 per la prima volta, in Italia e a livello internazionale, stabilisce i requisiti di competenza, abilità e conoscenza, necessari affinché il Disaster Manager possa vedere riconosciuta la propria professione da organizzazioni di terza parte, come stabilito dalla Legge 4/2013. .

Tags: disaster manager, assodima, UNI 11656 2016,